Uniformi militari – Il Codice Cenni: Tavola 07

Il Codice Cenni è la principale opera dell’acquerellista romagnolo Quinto Cenni (Imola 20/3/1845 – Milano 13/8/1917), divenuto famoso nel mondo per i suoi figurini militari.

Il Codice è un’imponente raccolta di dipinti di uniformi, italiane e di stati esteri, in maggioranza d’epoca ottocentesca.
E’ composto di 27 album, di 5 cartelle, di 19 raccoglitori di corrispondenza e di 2 raccoglitori di miscellanee.
Gli album, di cui 3 dipinti dal figlio Italo, contengono disegni, chine ed acquerelli, frammenti di giornali e di regolamenti, stampe di uniformi, equipaggiamenti, onorificenze, armi e carte, d’ogni epoca e stato, dall’antichità ai primi del Novecento.
I più importanti sono quelli degli stati pre-unitari italiani e del Regno d’Italia.

Le cartelle sono composte da ritagli di giornali, stralci di riviste, bozzetti e disegni di grande interesse documentale nel campo dell’uniformologia.
I raccoglitori della corrispondenza contengono anche fogli con figurini, disegni o taccuini di appunti ricchi di figure, articoli di giornali, copie di regolamenti sulle uniformi.

L’Ufficio Storico dell’Esercito Italiano ha acquisito gran parte del Codice da Italo Cenni tra il 1949 ed il 1950 e, in seguito, un lascito della nipote Minni Tomasini nel 1987.

Uniformi di Armi Varie – 1861
In alto, da sinistra, Corpo dei Volontari Italiani (Generali in alta e piccola tenuta, Ufficiali di Stato Maggiore, di Artiglieria, del Genio, del Treno), Sergente di Cavalleria.
Al centro, da sinistra, Ufficiale Medico, dell’Intendenza, della Giustizia Militare, di Sussistenza, di Linea, delle Guide.
In basso, da sinistra, basto per muli dell’Artiglieria da montagna, Guardia Nazionale (Tenente in tunica, Capitano in cappotto con cinto, Tamburino, Furiere, Musicante, Capitano in cappotto).
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages