Pendolaria 2019. Il rapporto Legambiente sul trasporto ferroviario in Italia

Pendolaria 2019. Il rapporto Legambiente sul trasporto ferroviario in Italia

Cresce la mobilità su ferro con 5, 7 milioni di persone che prendono ogni giorno metro e treni regionali, boom dell’alta velocità, ma al Sud circolano meno treni che nel 2010.

Legambiente presenta l’annuale rapporto di analisi del trasporto ferroviario in Italia che evidenzia come ad aumentare siano le differenze tra le Regioni e le diversi parti del Paese. Inoltre il ritardo nella dotazione di trasporto su ferro delle aree urbane rimane rilevantissima rispetto all’Europa ed una delle cause dello smog che attanaglia le città italiane.

Il numero dei passeggeri aumenta, toccando quota 5, 699 milioni e segnando un nuovo record: nel 2014 il numero di viaggiatori era complessivamente di 5, 1 milioni, per cui si deve segnalare una crescita dell’ 11, 7% in cinque anni. Per i treni regionali, dal 2010 ad oggi, abbiamo assistito ad un aumento dell’8, 2% dei passeggeri.

Sono infatti 2 milioni e 874 mila coloro che ogni giorno usufruiscono del servizio ferroviario regionale e 2 milioni e 716 mila quelli che prendono ogni giorno le metropolitane, presenti in 7 città italiane. Ma il paradosso c’è: diminuiscono i chilometri di linee disponibili e la crescita nasconde differenze rilevanti nell’andamento tra le diverse Regioni e tra i diversi gestori. In alcune parti del Paese la situazione è migliorata, mentre in altre è peggiorata e si è ampliata la differenza nelle condizioni di servizio.

Il numero di coloro che invece ogni giorno prendono il treno per spostarsi su collegamenti nazionali è di circa 50mila persone sugli Intercity e 170mila sull’alta velocità tra le Frecce di Trenitalia ed Italo. I numeri sono complessivamente in aumento, ma con rilevanti differenze: mentre sugli Intercity tra il 2010 ed il 2018 abbiamo una riduzione che sfiora il 46%, sulle Frecce di Trenitalia si verifica un +114%, incluso Italo che è in forte crescita.

In 10 anni il bilancio dell’alta velocità è imponente: i numeri sono cresciuti di anno in anno, grazie al raddoppio della flotta dei treni AV: 74 nel 2008, 144 nel 2019. I passeggeri trasportati sui treni AV di Trenitalia sono passati dai 6, 5 milioni del 2008 a 40 milioni nel 2018, con un aumento del 517%.

Drammatica è la situazione al Sud, dove i treni sono vecchi (età media 19, 3 anni rispetto ai 12, 5 anni al Nord) e pochi (sono stati addirittura ridotti gli intercity e i regionali in circolazione negli ultimi dieci anni) e viaggiano su linee in larga parte a binario unico e non elettrificate.

Rapporto Pendolaria 2019

Presentazione Pendolaria 2019

Pendolaria 2019. Il rapporto Legambiente sul trasporto ferroviario in Italia
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages