Il libro nero della Lega: le trame finanziarie e politiche del partito di Salvini

Il libro nero della Lega: le trame finanziarie e politiche del partito di Salvini

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le alleanze con personaggi impresentabili al Sud, le trame opache sullo scacchiere internazionale: tutta la verità sul partito di Matteo Salvini.

Che fine hanno fatto i 49 milioni di euro della truffa sui rimborsi elettorali architettata da Umberto Bossi e Francesco Belsito? Perché Matteo Salvini mente quando dice di non aver mai visto un euro di quel tesoro? Chi sono i nuovi finanziatori del partito oggi? E ancora, come mai l’ex ministro dell’Interno per sfondare al Sud si è circondato di personaggi equivoci, riciclati, ex fascisti, condannati, indagati e con parentele su cui pesa il sospetto di contiguità con la mafia? Quali segreti si celano dietro le alleanze strette dal leader della Lega con Vladimir Putin e Donald Trump?

Un libro inchiesta svela per la prima volta le trame finanziarie e politiche del partito del ministro dell’Interno. È Il libro nero della Lega, una coraggiosa ricostruzione basata anche su importanti documenti fin qui inediti.

Acquista su Amazon:
Il libro nero della Lega
di Giovanni Tizian e Stefano Vergine
Copertina flessibile: 318 pagine
Editore: Laterza (28 febbraio 2019)
Collana: I Robinson. Letture
Lingua: Italiano
ISBN-10: 8858134052
ISBN-13: 978-8858134054
Peso di spedizione: 499 g

Giovanni Tizian e Stefano Vergine per le loro inchieste sulla Lega hanno ricevuto il Premio Franco Giustolisi “Giustizia e Verità” 2018.

Giovanni Tizian (Reggio Calabria, 1982) è giornalista del settimanale “L’Espresso”. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra i quali il premio Enzo Biagi, la Colomba d’oro per la pace, il premio Biagio Agnes e il premio Giuseppe Fava. Ha pubblicato Gotica. ‘Ndrangheta, mafia e camorra oltrepassano la linea (Round Robin 2011), La nostra guerra non è mai finita (Mondadori 2013) e Il clan degli invisibili (Mondadori 2014). Per Laterza è autore di Rinnega tuo padre (2018), per il quale ha ricevuto il premio Siani 2018.

Stefano Vergine (Saronno, 1982) è vice caposervizio del settimanale “L’Espresso”. Ha collaborato con testate nazionali e straniere, occupandosi di economia, finanza e politica internazionale. Ha seguito da freelance la rivoluzione tunisina, da cui è nato il libro La rabbia e la speranza (Sperling & Kupfer 2012). Ha vinto nel 2015 e nel 2016 il premio State Street, dedicato al giornalismo economico e finanziario, e ha contribuito alla realizzazione dell’inchiesta Panama Papers, premiata con il Pulitzer nel 2017.

Il libro nero della Lega: le trame finanziarie e politiche del partito di Salvini