Gender Fluid
"Unstable realities - Interact, distort, stretch": la mostra degli studenti del RUFA

“Unstable realities – Interact, distort, stretch”: la mostra degli studenti del RUFA

Il 26 Giugno 2024 alle ore 17 inaugura nel Corner MAXXI del Museo nazionale delle arti del XXI secolo a Roma la mostra “Unstable realities – Interact, distort, stretch”, che vede protagonisti gli studenti di RUFA Rome University of Fine Arts, appartenente al Gruppo Plena Education.

A cura di Fabrizio Pizzuto, critico e storico dell’arte, docente di Storia dell’Arte Contemporanea e di Management per l’arte, e coordinatore del Master RUFA in Art Curating and Management, la mostra raccoglie le opere di 15 artisti: Ana Mardesic, Angela Sanchez Ruiz, Bianca Rivetti Burattini, Carter Helmandollar, Chantal Spapens, Darya Shoshani, Eleonora Sgroi, Federica Chiarucci, Giulia Gamba, Hafsa Moin, Lale Jo Kirschner, Luisa Figuereido, Negin Fallah, Rodrigo M. Soto e Vittorio Venturoli.
Sarà il più grande evento di arte visive realizzato da RUFA, racchiudendo pittura, scultura e performance dal vivo.

Un lavoro corale del Dipartimento in quanto gli studenti del Master in Art Curating and Management, Aymerich Alex, Froberg Victoria Rose, Ozcan Ayda, Strauss Gloria, Tjoeng Yu Pok Henky, Predeep Amrutha, Lee Miae, Guerrero Lucia, Leth Christiansen Anna Cathrine, Fatima Noor, Henderson Lucy, Panisson Elisa, si occuperanno dell’organizzazione e dell’allestimento presso il museo.

La collettiva invita il pubblico a indagare sulle possibilità della rappresentazione, giocando con immagini reali e virtuali mescolate ai ricordi che ciascuno possiede e proponendo quindi, tra le righe, una riflessione sulle diverse modalità con cui la realtà può essere reinterpretata visivamente. I soggetti diventano quindi stati dell’animo e pensieri, memorie e forse testimonianze appena mancate che, come tali, potrebbero essere deformati, allungati e distorti.

“Mentre la distorsione si fa strumento per indagare la plasticità della forma e del significato, ecco che le figure deformate non solo sfidano le aspettative visive, ma offrono anche nuove prospettive sulla comprensione del soggetto. Manipolazioni visive che pongono il pubblico nella necessità di riconsiderare la propria relazione con la realtà rappresentata, ponendo interrogativi sulla stabilità del presente e sul suo impatto generazionale e percettivo. L’uscita dal quadro si mostra non tanto come una presa d’atto del palco o del campo del reale sensibile, quanto come uno scivolamento, un ennesimo slittamento di senso e presenza.” – racconta il curatore Fabrizio Pizzuto. – “Il prossimo anno, entrerà a far parte del biennio magistrale di Fine Arts RUFA anche la specializzazione in Performance, così da permettere ai ragazzi di esplorare sempre di più questa disciplina. “

La mostra vuole essere un percorso sensoriale e intellettuale che offre ai visitatori la possibilità di esplorare nuovi modi di vedere e interpretare la realtà. Le installazioni interattive presenti richiedono la partecipazione attiva dei visitatori, talvolta perfino i quadri sono a disposizione per essere toccati, così come gli stessi performer. L’interazione completa il lavoro e diventa parte integrante dell’opera: la realtà, quindi, si rivela come un’entità fluida e in continua trasformazione, influenzata dall’interazione con l’ambiente e con chi la osserva. Queste installazioni rispondono ai movimenti e alla presenza del pubblico, creando una dinamica che sfuma i confini tra l’opera e l’osservatore.

Giovedì 27 Giugno alle ore 17 avrà luogo, all’interno della mostra, l’incontro dal titolo “Art and Reality: Between Relevance and Redundance”, con la storica d’arte Anja Foerschner, fondatrice di ECC Performance Art, insieme all’artista e docente RUFA Silvia Giambrone, con la performer Marta Jovanovic, coordinatrice del dipartimento di Arti visive RUFA.

Immagine in evidenza
di Daria Soshani (part.)

The event is finished.

Data

28 - 30 Giu 2024
Expired!

Luogo

ROMA - MAXXI ROMA
Via Guido Reni, 4A, 00196 Roma
Sito web
https://www.maxxi.art/
Categoria