Il film su Pina Bausch di Wim Wenders online gratuitamente

Il film su Pina Bausch di Wim Wenders online gratuitamente

In occasione della Giornata Internazionale della Danza, Bim, Romaeuropa e MYmovies lanciano un evento esclusivo con l’obiettivo di contribuire all’offerta culturale durante il periodo di lockdown, nella speranza di tornare presto nelle sale cinematografiche e nei teatri. Venerdì, 8 maggio, alle ore 20:30 sulla piattaforma Mymovieslive verrà diffuso in streaming gratuito un dibattito in diretta tra esperti di danza, cinema, danzatrici e coreografe, seguito dal film, candidato al Premio Oscar©, Pina di Wim Wenders.

Attraverso un incontro live e un film rimasto nella memoria per la sua straordinaria potenza visiva, gli appassionati di cinema e danza potranno così assistere a un evento unico, che a partire dallo stile performativo senza precedenti di Pina Bausch, a 80 anni dalla sua nascita, cerca di rintracciarne il lascito nelle più recenti generazioni, senza dimenticare lo sguardo di chi scopre per la prima volta il suo lavoro o di chi, con un approccio differente alle arti coreutiche, lo osserva da lontano.

L’incontro sarà guidato da Gaia Clotilde Chernetich, dramaturg, autrice e studiosa di danza e teatro, e vedrà, tra gli altri, la testimonianza di Monique Veaute Presidente della Fondazione Romaeuropa, la partecipazione di Francesca Pennini, coreografa della compagnia Collettivo Cinetico e oggi una delle menti più creative della danza contemporanea italiana e Marzia Gandolfi, critica cinematografica.

Per partecipare gratuitamente online alla visione collettiva del film in streaming sarà sufficiente collegarsi dal proprio computer, tablet o device online e prenotare uno dei posti disponibili nella sala web.

Gaia Clotilde Chernetich – Gaia Clotilde Chernetich è un’autrice, studiosa e drammaturga per la danza. Come autrice scrive di danza e teatro per Doppiozero, Teatro e Critica, 93% e Springback Magazine. Come ricercatrice post-doc dell’Università Ca’ Foscari di Venezia ha lavorato al progetto europeo “Dancing Museums 2. The Democracy of beings”. Dopo gli studi in Scienze sociali (EHESS – Parigi) e Studi teatrali (Université Paris 3/Ecole Normale Supérieure, Parigi), nel 2017 ha conseguito con lode un dottorato europeo in Arte con una specializzazione in Danza all’Université Côte d’Azur (Francia) e in Scienze umanistiche all’Università di Parma. Il testo Architetture della memoria. L’eredità di Pina Bausch tra archivio e scena è il suo primo libro pubblicato (in corso di stampa per Accademia University Press, Italia). Le sue ricerche e i suoi studi pubblicati riguardano la danza contemporanea, l’epistemologia e la drammaturgia. Collabora con il progetto Ormete – Oralità, Memoria, Teatro, un progetto di ricerca che coniuga la metodologia della storia orale e della storia delle arti dello spettacolo. Ha curato il progetto “Archivio Anno Zero” per l’Associazione Culturale VAN. Ha curato e collaborato a diversi progetti educativi/di sviluppo del pubblico e di coinvolgimento riguardanti la cultura internazionale delle arti dal vivo.

Francesca Pennini (Ferrara, 1984) – Coreografa, regista e danzatrice, si forma in un percorso articolato e selvaggio tra discipline eterogenee: dal balletto alla ginnastica ritmica, dalla danza butoh alle arti marziali, dall’apnea alla disco dance agonistica. Successivamente studia al Balletto di Toscana e al Laban Centre di Londra. Lavora come danzatrice freelance per Sasha Waltz & Guests. Cura la direzione artistica di CollettivO CineticO dal 2007, anno in cui ha fondato la compagnia firmandone tutte le creazioni. Nel 2017 crea Bolero – The head down tribe per la Compagnia del Balletto di Roma. Collabora, tra gli altri, con l’artista visivo Mustafa Sabbagh, il cantautore Vasco Brondi e la regista Quentin Jones. Da sempre interessata alla formazione si dedica in particolare a percorsi didattici per adolescenti e alla formazione di professionisti collaborando come docente per numerose realtà nazionali ed internazionali tra cui: Biennale College Danza; Accademia di Belle Arti di Roma; Accademia di Belle Arti di Brera; Hochschule Hannover University of Applied Science and Arts; DAMS Bologna e, nel 2019, docente del corso di Teatro e Arti Performative dell’Università IUAV di Venezia.

Marzia Gandolfi è una critica cinematografica. Collabora stabilmente con MYmovies, Il Ragazzo Selvaggio e La Rivista del Cinematografo. Ha partecipato a volumi collettivi su Marco Bellocchio, Claude Lelouch e Patrice Leconte. Ha collaborato al dizionario “Il grande cinema italiano” (Atlante, 2012), al libro “Cinema senza fine. Un viaggio cinefilo attraverso 25 film” (Mimesis Cinema, 2014) e a “Romanzo Popolare” (Marsilio, 2016). Di recente ha partecipato al libro “Ieri, oggi e domani. Il cinema di genere in Italia” (Marsilio, 2020) e al n. 172 della rivista Engramma (“Marco Bellocchio. L’arte della messa in scena”).

Pina è un film per Pina Bausch di Wim Wenders.
Pina, con il Tannztheater Wuppertal Pina Bausch, è il tributo di Wim Wenders all’arte unica e visionaria della grande coreografa tedesca, scomparsa nell’estate del 2009. Il regista ci guida in un viaggio sensuale e di grande impatto visivo, seguendo gli artisti della leggendaria compagnia sulla scena e fuori, nella città di Wuppertal, il luogo che per 35 anni è stato la casa e il cuore della creatività di Pina Bausch.

Il film su Pina Bausch di Wim Wenders online gratuitamente

Data

08 Mag 2020
Expired!

Ora

20:30

Maggiori informazioni

Web

Luogo

ONLINE
Categoria
Web

Calendario Eventi

Maggio 2020
Nessun evento trovato!
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages